COGNAC DE LUZE INTERVIEW REMI BOINAUD

Intervista: Rémi Boinaud, Master Blender di De Luze Cognacs

Rémi Boinaud, Master Blender dei cognac De Luze, condivide con noi la sua visione della professione e del mondo della mixology, attualmente molto di moda, dove il cognac occupa un posto importante.

Oggi Rémi Boinaud, Master Blender dei cognac De Luze, si presta al gioco per condividere con voi il dietro le quinte del suo lavoro quotidiano. Condivide anche la sua visione del mondo della mixologia. Oggi, questo fenomeno è diventato una necessità per molti consumatori.

Fondata nel 1822 da Alfred De Luze, la casa di cognac De Luze produce cognac Fine Champagne. Questi cognac sono miscelati con i 2 territori di eccellenza della regione Cognac AOC: Grande Champagne e Petite Champagne.

I cognac De Luze sono sempre stati caratterizzati dalla loro rotondità e finezza. Queste caratteristiche gli permettono di essere goduto in diverse occasioni: secco, con ghiaccio o in cocktail con numerose associazioni.

Foto: Rémi Boinaud | ©Maison Boinaud / Jonathan Photography

 

La città di Cognac, luogo di nascita di questo spirito, sta anche vedendo la nascita di cocktail bar. Alcuni parlano di sacrilegio, cosa pensa di questa evoluzione nella scena del cognac?

Rémi Boinaud: questa è una cosa molto buona! Come possiamo incoraggiare i nostri consumatori a provare i nostri prodotti nei cocktail se la città di Cognac non dà l’esempio? Anche se rimane una piccola città (meno di 20.000 abitanti), sta a noi giocare la partita e incoraggiare i mixologist a esprimere la loro visione dei cognac De Luze, a scambiare con loro e a imparare dalla loro cultura e dal loro know-how.

 

È impossibile parlare di cognac senza menzionare il suo uso nei cocktail. Si parla di cognac nella mixologia?

Rémi Boinaud: Adoro il cognac nei cocktail. Ma quest’ultimo dovrebbe sublimare il cognac. Alcuni cognac, a causa della loro struttura aromatica, avranno una forma di degustazione più raccomandabile di altri.

Foto: Midnight Roses Cocktail ©Maison Boinaud / Theo Schuman

 

I cognac De Luze sono interessanti in mixologia per le loro caratteristiche aromatiche?

Rémi Boinaud: I cognac De Luze hanno finezza e potenza aromatica. Infatti, permettono di creare associazioni di successo con diverse ricette di cocktail. Spero che i nostri partner barman apprezzino i nostri cognac De Luze per migliorare i cosiddetti cocktail “tradizionali”. Ma anche per creare nuovi prodotti che mettano in risalto i nostri prodotti che ci siamo divertiti a creare nel corso degli anni.

 

La mixologia può far provare il cognac in altri modi?

Rémi Boinaud: è un buon trampolino per attirare nuovi appassionati, una buona apertura a nuovi consumatori. Siamo orgogliosi che il cognac abbia questa immagine di alta gamma che deve essere preservata, con il suo know-how e la sua storia. Tuttavia, questo non deve impedirci di de-sacralizzarlo, di “rispolverarlo”. La mixologia ci permette di spezzare il potere dell’alcol, che può trattenere alcune persone. La cosa più importante è rivelare gli aromi del cognac in queste nuove forme di consumo.

 

Lei è un Master Blender per il marchio Cognac De Luze, come si diventa un Master Blender?

Rémi Boinaud: Non esiste una scuola o un diploma per diventare un Master Blender. È una formazione lunga e complessa per identificare decine di aromi e poi essere in grado di fonderli in uno spirito come il cognac. Ho avuto la fortuna di lavorare per 10 anni nel cuore della casa, mi ci sono voluti anni di pratica e di degustazione delle nostre acquaviti ogni giorno con il nostro maestro di cantina.

È un lavoro che mi appassiona, mi fa molto piacere lavorare con prodotti eccezionali e siamo felici di poterlo trasmettere ai nostri consumatori.

Photo: Rémi Boinaud | ©Maison Boinaud / Jonathan Photography

 

Cosa fa esattamente un Master Blender?

Rémi Boinaud: Il mio compito è quello di occuparmi del nostro stock di acquaviti e cognac, di accompagnarli nel loro processo di invecchiamento e di creare le miscele per i nostri futuri cognac De Luze.

Lavoriamo quasi costantemente con il nostro maestro di cantina, dalla selezione delle acquaviti dopo la distillazione e durante tutto il loro invecchiamento. La mia missione è di identificare le eaux-de-vie più aromatiche e flessibili e di fonderle nel corso degli anni. Dobbiamo avere la stessa visione e la stessa pazienza per dare ai nostri cognac De Luze la loro rotondità e la loro firma aromatica.

Photo: Rémi Boinaud | ©Maison Boinaud / Jonathan Photography

 

Se dovesse evocare la parola “degustazione”, cosa direbbe?

Rémi Boinaud: Lo vedo come un modo di condividere e godere. Durante le degustazioni, penso che sia importante assaggiare con gli altri, perché ognuno si completa a vicenda. Inoltre, la degustazione rimane un momento molto personale. Un momento in cui i ricordi olfattivi della nostra infanzia ci portano in un viaggio attraverso i sensi. Potremmo non trovare le stesse cose. E non c’è giusto o sbagliato in una degustazione di cognac. È piuttosto un’esperienza individuale che accompagniamo con ispirazioni e suggerimenti. Abbiamo messo parole a certe sensazioni provate durante la degustazione.

 

Detto tra noi, hai una ricetta di cocktail preferita?

Se dovessi scegliere un cocktail preferito, sarebbe l’Old Fashioned con il nostro cognac De Luze XO, un buon cubetto di ghiaccio e gli amici per condividere questo momento di convivialità. Il resto del tempo dipende dal contesto e dal mio umore del momento. Per esempio, non provo gli stessi cocktail a seconda delle stagioni.

 

Scoprire i cognac De Luze e le loro referenze : https://deluze.lacognatheque.com/en/

 

Non bere e guidare. Divertiti responsabilmente.

 

Unisciti alla comunità su Reddit

Spirits Hunters è una comunità dedicata agli alcolici e al mondo della mixologia. Sentiti libero di parlare del mondo della mixologia e del bartending qui!

Join